STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
Quanto mi piace sentirmi PUTTANA.....non c'é cosa piu divina che....io,il mio ragazzo e i suoi amiciVacanza a Mykonos...che scopataUn viaggio a FirenzeFestino in 4Tiziana e Sergio 3Vacanze memorabili
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

La prima volta di mia Moglie tra le braccia di un'altro
Questa è una storia vera accaduta tre anni fà, io e mia Moglie Sandra (32 anni Lei 45 io) eravamo in viaggio per lavoro, quel giorno era un venerdi di Luglio, faceva molto caldo, eravamo dalle parti di Amalfi e decidemmo di fare il fine settimana al mare.
Così scegliemmo un ottimo albergo vista mare,la camera aveva un terrazzo prendisole abbastanza ampio, da dove si vedeva uno spettacolo della natura da favola.
Io ero stanco dal viaggio e per questo dopo una doccia decisi di riposare un pò, mentre Sandra dopo la doccia decise di andare a fare una passeggiata,la vidi indossare una gonna cortissima come era suo solito, una camicetta bianca trasparente e senza reggiseno, i suoi capezzoli erano ben visibili agli occhi di chiunque,l'abbronzatura completava la bellezza.
Al suo ritorno decidemmo di scendere per andare a cena,trovammo un buon ristorante anche se piccolo ma molto accogliente.
Mentre stavamo cenando notai un ragazzo che era seduto di fronte a noi, guardare in modo insistente mia moglie,addirittura fece un cenno di saluto,al quale Sandra rispose con un mezzo sorriso, chiesi a Sandra chi fosse costui e Lei rispose che quel ragazzo all'oggiava nel nostro medesimo albergo,anzi mi disse che mentre era intenta a leggere qualche locandina nella hall,lui si era avvicinato facendole i complimenti e offrendosi di accompagnarla nella passeggiata.
Lei si era rifiutata, ma poi lo incontrò di nuovo lungo le stradine di Amalfi, comunque mia Moglie mi disse "lo sai che è proprio un bel fico"con questo un pensierino lo farei volentieri.
Queste sue parole scatenarono in me una libidine incredibile,avrei dovuto essere geloso e invece la cosa mi eccitò.
Lui con una scusa qualsiasi dopo poco si alzò, venne al ns tavolo e rivolgendosi a me si presentò,"ciao io sono Marco" dicendomi che Sandra l'aveva già conosciuta.
Scambiammo qualche impressione su Amalfi e i suoi dintorni, poi prendemmo insieme un caffè, nel mentre vedevo che gurdava sempre in modo insistente le tette di Sandra, la cosa mi arrapava.
Dopo una passeggiata io e Sandra decidemmo di far ritorno in albergo, mentre camminavamo cercai di capire se realmente Sandra aveva voglia di scoparsi quel ragazzo, lei sorridendo mi rispose che non ci pensava proprio.
L'eccitazione mi aveva preso il cervello,una volta in camera presi mia Moglie per i fianchi la attirai a me, le sbottonai la camicetta e iniziai a succhiarle i capezzoli e il belissimo seno, mi accorsi subito che Lei era altrettanto arrapata,quando raggiunsi la sua FICA infilai dentro un dito, era bagnata di goduria,eravamo ancora in piedi e le tolsi con violenza la gonna e il perizoma, la buttai sul letto, io non mi ero ancora neanche tolto la camicia,la misi alla pecorina e iniziai a pomparla, Sandra dopo poco emise un urlo di goduria, strillava -dammelo ancora ti prego lo voglio, si tutto ancora amore mio- in quel momento sentimmo bussare alla porta, chiesi chi era, sentii rispondere "sono Marco occorre qualcosa ?" aprii la porta, lui era con l'accapatoio, io cercai di spiegare che Sandra quando gode urla,Marco sbirciò dentro la camera e vide Sandra nuda sul letto, il suo magnifico culo proteso verso l'alto,Marco rimase interdetto,vidi il suo accapatoio aprirsi mostrando il suo cazzo i piena erezione, mi guardò e mi sussurrò posso entrare ?, io feci cenno di si, lui rimase a guardare accanto alla porta, Sandra non mi chiese nulla e io non dissi nulla, avevo capito che lei era d'accordo.
Ripresi a pompare Sandra,le scariche di adrenalina avevano invaso il mio cervello,avevo il cazzo che mi scoppiava e facevo una fatica immane per non godere.
Dopo poco feci cenno a Marco di avvicinarsi, lui si posizionò accanto a me, teneva la sua asta con la destra, il suo cazzo era mostruoso,era almeno 20cm,io mi sfilai da dietro Sandra e Marco prese il mio posto,lo vidi mentre la impalava ,Lei emise un urlo di dolore misto a piacere,marco la stava cavalcando come un toro da monta,vedevo il suo cazzo entrare e uscire, le labbra della fica che si aprivano e chiudevano come un'ostrica,mi misi seduto davanti a Mia moglie, Lei prese a spompinarmi come non mai,sentivo la mia asta sprofondare dentro la sua gola,Sandra godette altre 2,3 volte, ormai non riuscivo a contarle più,quando Marco urlò che stava venendo lo vidi estrarre il cazzo e spruzzare un litro di sborra sulla schiena di Sandra, io a quella vista non resistetti e inondai di sborra calda la bocca di mia moglie.
Lei mi baciò ripassandomi per 2,3 volte la mia stessa sborra per poi ingoiarsela tutta.
Eravamo sfiniti,senza parlare Marco uscì dalla stanza e noi ci addormentammo abbracciati e felici.

La storia ebbe un seguito il giorno dopo, che Vi racconterò la prossima volta.

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 180): 7.16 Commenti (16)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10