STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
SaraCarsexaddio al celibato e la moglie del collegala migliore amica di mia mogliecorso di subracconto del mio matrimonio perdutoIo e Carla: (2): pompino da urloPaolo e Giovanni
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

Vacanze duemilaotto!!!!!
Ciao ragazzi, sono tornata, Francesca è di nuovo qui per raccontarvi le mie avventure... Vi sono mancata vero? Bene sono stata in vacanza con il mio ragazzo a Sharm ed anche lì ne ho combinate di tutti i colori e adesso ve lo raccoto. Appena arriviamo con l'aereo, subito un pulman del nostro hotel, il bellissimo Grand Azure Resort ci preleva con altri turisti per portarci a destnazione. Appena arriviamo la sorpresa è grande, infatti sapevamo che l'albergo era bellissimo e lussuoso, ma non pensavamo fino a quel punto! Basti pensare, che i portaceneri che si trovavano nella stanza d'accoglienza venivano regolarmente puliti ogni cinque minuti dal personale addetto. Comunque andiamo avanti. Arriviamo nella nostra stanza, ovvimente una matrimoniale,pagata, come tutto il resto da Federico; e mi spoglio per farmi la doccia.Appena finisco esco dal bagno per cambiarmi, ma il mio ragazzo, mi blocca ed inizia a baciarmi sul collo. Io che da qualche tempo ho ricominciato a farlo scopare, visto che mi faceva troppa pena, perchè facevo scopare tutti meno che lui, dicendogli, che avevo crisi di coscenza e mi sentivo in colpa a scopare e che avrei voluto tornare vergine!!! mi concedo a lui, e dopo i canonici dieci minuti, che non mi spreco neanche a descrivervi lui viene, ed io gli regalo la soddiszione di avermi fatta godere, fingendo un orgasmo di quelli storici.Andiamo avanti così per circa due giorni, poi incomincio a non farcela più di non avere orgasmi e così cerco d'inventarmi un modo per tradirlo, ma non era assolutamente facile, infatti stava sempre con me. L'unico modo era tradirlo con il suo permesso. Ma questa era una impresa disperata anche per una professionista delle corna come me, con anni ed anni di esperienza sulle spalle. Inaspettatamente però fu proprio lui a darmi inonsapevolmente la possibilità, la sera stessa. Eravamo tornati in camera nostra e come al solito lui cercava di fare l'amore con me, quando ad un certo punto mi disse:"Francy, lo sai qual'è il mio più grande desiderio sessuauale? Frami fare ventiquattro ore di bocchini da te... infondo lì fai così bene...". ed io: Ventiquattro ore? Ma se dopo dieci minuti già schizzi, quanti te ne dovrei fare?" risposi ridendo, ma poi facendomi più seria:" erto, però se tu fossi disposto ad esaudire un mio sogno..." "Quale sarebbe?" ispose tranquillamente lui. "Sono sette anni che stiamo in sieme, tu mi hai sverginata ed io non ho avuto altri uomini oltre a te (Ammazza che cazzate che dico quando voglio....)Domani sera andiamo in dicoteca, se mi rimorchio qualcuno ci vado a letto, e se non ci riesco ti farò le tue belle ventiquattro ore di bocchino... Infondo dai... non è che sono poi così bella....". Lui ovviamente rifiuta:"Non esiste proprio!!!! ma sei matta!!!!" "E dai..." dico io per convincerlo meglio gli faccio un bocchino. inizio leccarlo per bene e dopo che mi è venuto in bocca,con su grande soddisfazione gli dico:Moltipilica per ventiquattro ore...." Non ce stato bisogno di aggiungere altro, accetta anche se un po titubante. a sera andiamo in disco ed ero vestita da troia, con un vestitino che mi arrivava si e no alla metà delle cosce, autoreggenti azzurre, scarpe col tacco e la scollatura delle grandi occasioni... effettivamente non ero così bella da tanto tempo, ed anche Fede deve averla pensata così perchè era visibilmente preoccupato. Arriviamo in sala, e come da patti stabiliti avevo due ore per rimorchiare qualcuno, dopodichè sarebbe venuto federico, che avrebbe aspettato su un divano e ce ne saremmo tornati in camera e avrei pagato il mio pegno.Incomincio a ballare come una vera zoccola, alzandomi anche la gonna per far vedere le mie chiappette, ma ancora non si vedeva nessuno. Il mio ragazzo era contento per questo, ma il suo sogno durò appena dieci minuti, infatti si presentarono due bei italiani, Martino e Glauco, che tra l'altro erano i nostri vicini di camera e si misero a ballare con me. mi girai subito verso il mio ragazzo che ormai non rideva più e anzi si era fatto serissimo. Mi struscio per un mezzoretta sui loro corpi e loro mi infilavano le mani da per tutto quando poi ero bagnatissimo decido di dirgli di portarmi con loro in camera, ovviamente accettano, ma prima gli dico di aspettare un'attimo, infatti volevo gustarmi la faccia di Fede, così vado da lui e gli dico:"Senti coglione, come vedi ho rimorchiato, e così me ne vado in camera con loro..." e lui: No ti prego, non voglio le corna, e poi non con i nostri vicini... mi prenderanno per il ulo per tutto il resto della vacanza! e poi oh sono due!!!!" ed io, sempre con più cattiveria gli rispondo:"Be lo hai voluto tu... se ti prenderanno per il culo te lo meriti, e anzi lo farò anche io, come fai a lasciare ballare una figa come me tutta sola dandogli anche il permesso di scopare con chi vuole! Sei un coglione e basta. e poi sono in due... meglio, così finalmente posso rifarmi sul tuo cazzetto che vale per mezzo!!!" e me ne vado ridendo. Prima però passo in camera mia a prendere la macchiett fotografica digitale... volevo un ricordo... dopodichè imbocco nella stanza accanto e loro mi stavano aspettando già nudi. avevano due cazzi eccezionali, circa ventotto centimetri Glauco e trenta Martino. Mi tolgo le scarpe ed il vestito, rimanendo solo con le calze azzurre, la mia pelossissima figa già era bagnata per il ballo e adesso era un lago... mi accarezzano su tutto il corpo e poi iniziano baciarmi il seno leccandomi anche i capezzoli. Mi stacco da loro e mi sdraio sul tavolo, mettendomi a gambe aperte. loro si avvicinano e mi baciano ancora, uno il senoed i capezzoli, che ormai era diventati molto più che turgidi... "Du chiodi" per dirla come in un film di Verdone, mentre l'altro mi leccava la figa fino allo sfinimento. io godevo da morire e anzi urlavo ancora di più, visto che nella stanza accanto c'era il mio ragazzo e volevo fargli sentire come i miei amanti fossero enormemente più bravi di lui.Dopo che mi avevano fatta godere per bene, mi mettono a pecora e m'infilano i loro mostri uno in culo ed uno infiga. In quel momento, lo giuro, non ho avuto alcun bisogno di urlare di più, perchè quella penetrazione fu portentosa, e anche se come voi sapete bene, io sono abituata a prendere cazzi di ogni taglia, quella mi dilaniò completamente. dopo mezz'ora che mi si sbattevano con i loro giganti venni, e urlai come una pazza: Si ancora, fino all'intestino, fino all'intestino!!!!" Loro non si fanno pregare e continuano ma per fortuna non vengono e continuano per un altra ora e mezza nella quale raggiungo ben sette orgasmi! quando ormai distrutta raggiungo l'ottavo urlo:"Dai si ancora, che bei cazzi che avete, altro che il cazzettino del cornuto di là!!!" ma era comprensibile che dicessi queste cose, infatti ero così eccitata che avevo perso completamente il lume della ragione... Dopo ci riposiamo e quindi si riprendino e mi si scopano uno per volta cosi intanto l'altro mi poteva fotografare, intanto era passato dalla figa l culo ed era un gran piacere, poi mi passa al suo amico che fa uguale e lui scatta delle foto meravigliose, anche di me che succhiavo i loro cazzi a turno e mi facevo sborrare in bocca e ul viso.Poi ci riposiamo, ma dopo mi vogliono schiaffeggiare il culo... io accetto senza problemi, così mi sdraio sulle cosce di Glauco e lui inizia a prenermi schiaffi,lo fa almeno per una quarantina di volte, ed io mi trovavo in un misto di picere e dolore, visto che mi masturbava sia in culo che in figa. poi mi passa al suo amico che fa ugule e mi fa venire. Poi per concludere, visto che si erano già fatte le sei di mattina ed il sole era già spuntato si fanno fare una sega con i piedi e dopo avermi sborrato sulla pancia mi mandano in camera. Io gli dico di tenersi il vestito e che me lo avrebbero restituito a pranzo, così mi presento in camera solo con le autoreggenti.Entro e trovo il mio ragazzo sdraiato sul letto che piangeva, i lì mi eccito da morire e gli dico:"Coglione, hai sentito che scopate!!! altre che quelle che mi faccio con te! Finlmente m sono sentita una donna!!!" Lui stava zitto, ma aveva smesso di piangere, ma poi assesto il colpo di grazia:"Se lo vuoi sapere ogni volta che scopiamo fingo, perchè mi fai pena con il tuo cazzetto ridicolo". Intanto lo sperma che avevo sulla pancia inizia a colare e ordino a Federico di leccarlo, e di pulirmi bene, altrimenti il giorno dopo avrei fatto il biss. Così piangendo come una femminucci s'inginocchia e mi lecca finchè cosce e figa non fossero pulite dallo sperma di quei due stalloni. lui scoppia di nuovo a piangere ma ancora non sono soddisfatta e dico:"Ora guarderai con me le foto della serata..." lui in lagrime mi pregava:"No almeno le foto no! Ti prego Amore!" Ed io che come avete potuto leggere nelle altre storie non ero mai padrona, ma anzi ero sempre sottomessa ne approfitto, anche perchè sapevo che quando sarei tornata a Roma avrei ripreso la mia vita da schiava e dico:" Se non guardi le foto con me ti lscio!" Lui allora non può far altro che lasciarmi fare e guradare le mie foto ed i miei commenti sulla differenza dei loro membri e sul piacere che mi avevao dato durante la scopata.Infine gli dico:"Domani li incontriamo, perchè devono darmi il vestito.Si gentile con loro e rispondi a tutte le domande che ti farano. se non lo fai sai cosa ti succederà.... questa è la tua punizione per avermi dato il permesso di rimorchiare.Il pomeriggio andiamo in piscina e ci incontriamo con i due ragazzi, loro vengono lì e mi salutano, accarezzando il mio culo e dandomi due bacetti sulle guance. poi salutano il mio ragazzo presentandosi, in un primo momento non li saluta, ma poi dopo che gli ho lanciato uno sguardo risponde:"Io sono Federico, il ragazzo di Francesca, molto piacere". Glauco:"Ah sei tu il cornuto di Francesca? be comunque ieri il piacere è stato solo nostro!!!" e Martino aggiunge: "Be ci vediamo stasera a cena poi dopo ti ridiamo il vestito ok" ed io "Ok ragazzi ciao": La sera fu una vera tortura per il mio ragazzo che fu costretto a rispondere con il sorriso a domande , che io avevo detto ai ragazzi la sera prima di fargli, terribili; tipo:" è vero che il tuo cazzo dritto misura solo dodici centimetri?" e lui costretto da me sorrdiendo amaramente rispondeva:"Si è vero ho un pisello inutile". loro rincaravano la dose:"Certo che inutile, infatti questa poveretta ha dovuto farsi fottere da noi, altrimenti che ne sapeva di quanto è bello prendere il cazzo" ed io aggingo:"Già,meno ale che ci siete voi!!!lui però è buono per le coccole..." dissi ridendo in faccia al mio boy. Dopo la cene andiamo in camera loro e dopo aver descritto al mio ragazzo ogni angolo nel quale mi avevano scopata mi ridanno il vestito, poi dicono al mio ragazzo:"Ti dispiace se gli alziamo la gonna no?" e lui con la sofferenza stampata in viso risponde sforzandosi di sorridere:"No, prego fate pure". così mi alzano la gonna di seta bianca e mitoccano per bene e infine mi danno due forti culacciate per uno e mi rimandano in camera con il io boy. Il resto della vacanza è proseguita senza altri tradimenti, ma facevo in modo d'incontrarli sempre e mi facevo paccare davanti a quel povero Coglione di Federico che piangeva e basta. sopportando tutte le nostre prese per il culo e le angherie che gli sottoponevamo.

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 78): 6.67 Commenti (22)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10