STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
UNO SCONOSCIUTO AL CINEMAora sempre senza mutandinel'ascensorela moglie sensualeSesso in autoIl Massaggio di YleniaIl primo pompino, la prima inculataLA MIA STORIA
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

al cinema col cognato
sia io che Matteo non eravamo riusciti a vedere il secondo capitolo di twilight.
lui mi aveva chiesto se lo andavamo a vedere l'indomani perchè poi lo avrebbero tolto.
mia sorella nel nostro privato quante volte si diceva fortunata nell' aver trovato un uomo con un cazzo grande,e grosso,come solo nel mondo porno ci potessero essere.
ed io già tante volte avevo notato nei suoi slip da mare
le forme di quel pisello,che a riposo erano del tutto notevoli.
ma la curiosità era diventata ancora più grossa quando in un gioco nel mare lui me lo aveva appoggiato per caso su una natica.
oh io lo dovevo vedere dal vivo
me lo sognavo la notte e qualche volte la mano non aveva potuto stare ferma
e nella mia fantasia gliè lo prendevo tutto in bocca e diverse sere sotto la doccia mi masturbavo al solo pensiero,col la possibilità che il mio marito mi sgamasse.
allora quale miglior modo di andare con lui al cinema??
fissammo per il primo spettacolo pomeridiano di un martedi
mi ero vestita veramente a troia
gonnellina corta a fisarmonica,autoreggenti neri e decoltè con 12 cm di tacco
per intimo mi ero messa quel perizoma che mi avevano regalato per l'addio al nubilato,e ancora nella sua confezione,
quello con la farfalla e con la parte sottostante con la tasca aperta
praticamante la mia passerina era tutta di fuori.
Sopra avevo una camicetta con i primi tre bottoni sganciati nel modo che lui vedesse il mio balconcino.
e un reggiseno di pizzo nero.

Alla multisala c'era qualche mamma con i bimbi
ma niente di particolare vista l'ora

Matteo chiese se possibile i posti in alto
e la cassiera rispose che non vedeva problemi visto che in sala c'eravamo solo noi

La mia testa era già partita

entriamo ci mettiamo a sedere e la luce è ancora accesa
e lui mi dice
-mamma mia come sei in tiro oggi,se non fosse che sei la sorella di mia moglie...-
ed io
-se tu nn fossi mio cognato-
la luce si spense
e lui mi raccontava che l'ultima volta che era stato al cinema solo con una donna, era stata con mia sorella d
da giovani non ancora sposati,e lui glie lo fece vedere
non so come pensavo che fosse un mio pensiero ma dalla mia bocca usci detto
-se vuoi fammelo vedere anche a me,il cazzone-
mi guardo'
-non c'è nessuno poi tanto rimane qui fra noi,no Matteo??si sbottono i jeans
si sposto le mutande e usci fuori
presi il cell lo accesi per avere un po di luce
lui era li con le gambe spalancate e quel coso tra le mani era indiscrivibile
-mamma mia,come è grosso-
-lo posso toccare??-
con un dito gli spingevo l'asta e quello tornava nella sua posizione naturale
-se vuoi lo puoi impugnare-mi disse
prendendolo inconsciamente cominciai a scappellallo
su e giu
su e giu
-mi stai facendo una sega-
-no scusa e che mi è sembrato naturale-
ritrassi la mano,lui me la riprese e me la mise sull'uccello caldo un wurstel
mi venne di allargare le gambe
-tocca anche me-
sentti la sua mano che entrava sotto la mia gonna e sentii un dito entrare dentro di me
-mmhhh,sai quello che vuoi-dissi
sembravamo due ragazzini io a fargli una sega e lui a farmi un ditalino
con l'altra mano prese la mia testa e la spinse sul cazzo
-succhialo,troia,sei proprio come tua sorella una puttana-
mi piaceva come mi aveva chiamata
con una mano gli tenevo le palle e con l'altra mi spingevo il cazzo in gola
avevo la bocca spalancata e gli angoli mi facevano male
andavo ritmicamente su e giu
-ti piace-mi disse
-si ma lo voglio ancora e ancora-
le sue dita intanto erano diventate due poi sentii la terza
che si faceva strada
-sei un lago-
-poi vedo per mia fortuna che hai una bella figa larga-
-allora che aspetti impalami,daii-
moi afferro e mi mise sopra di lui
-mettilo dentro da te-
lo presi lo accapai alla figa
e lei di risposta lo inghiottii
-lo senti troia,lo senti,ahhha dai cavalcami troia-
lo sentivo tutto.lo sentivo sfregare sulle pareti della mia figa
-si daiii,piu forte scopami piu forte-
mi afferò i fianchi e mi faceva sobbalzare come una palla
mtirò fuori la sua lingua e mi disse
-succhiamela come se gli facessi una pompa-
succhiavo la sua lingua
e intanto il cazzo che mi apriva la figa
si stacco mi mise un dito in bocca
-succhialo,che te lo metto in culo-
avevo avuto qualche esperienza anale
ma il suo cazzo li proprio nn ci stava
sento il suo dito che entra nel culo
-dai si sono la tua troia-
mi alzò mi girò e rimise il suo cazzo dove era stato
ma con il dito ora mi stuzzicava il grilletto
poi entrava dentro di me anche col dito
era tutta aperta
-mi piace continuaaa,dai si mi piace,ahhhah-
sentii arrivare il caldo da dentro di me
-dai vengo,vengo-
-la senti come è sbrodata la mia figa dentro,la senti-

ad un certo punto sentii di nuovo la sensazione di un altro orgasmo
-siii,stò per venire di nuovo,sii daiiii-
mi mise a gambe spalancate sui braccioli delle poltrone e comincio a leccarmi il grilletto
-eccomi siiii, eccomiii ,predimi ahhh siiii sbrodoooo-
con le mie mani presi la sua testa e la spinsi contro di me
sentivo come se avesse 100 lingue
ero fradicia
-ora tocca a me ,apri bene la bocca-
-ahh ti sbrodo in gola brutta vacca-
si segava e poi miro con la sua cappella verso lì'ingresso della mia bocca e sputo fuori un getto di sbroda
era venuto ma fece per ritirarsi su i pantaloni ed io gli dissi
-lo voglio ancora-
e me lo rimisi in figa
e scopammo ancora
alla fine del film che avevamo visto solo per metà
gli sussurrai in un orecchi
-mi alleno almeno voglio che mi spacchi per bene anche il culo-
e lui
-sei peggio della troia di tua sorella-
ed io
-mi piace che mi chiami troia,perchè lo sono-



ero già tutta eccitata

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 114): 7.49 Commenti (2)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10